A.P.I.C.S.

Casella Postale 50
07020 Porto Cervo – Italy
Tel. +39-0789-92512,  92550,  94320  Fax. +39-0789-92613
www.apics.it                                                      info@apics.it

Porto Cervo, Novembre 2008

Cari Associati,

A circa due anni dalla costituzione dell’APICS comunichiamo ai nostri 408 Associati la situazione del lavoro fin qui svolto. Premettiamo che scopo delle nostre azioni non è stato e non è quello di contrapporci al Consorzio Costa Smeralda, bensì di spingerlo ad affrontare e risolvere i numerosissimi problemi che sono all’origine del forte malcontento così diffuso tra i Consorziati. A tal fine abbiamo cercato il dialogo con la Direzione Generale del Consorzio, ottenendo qualche risultato. Per contro c’è stata una totale chiusura da parte del Consiglio di Amministrazione (C.d.A.), che ha continuato con la sua politica antidemocratica e di non trasparenza nella gestione del nostro Consorzio per favorire gli interessi del maggior Consorziato.

Ricorderete che lo scorso anno il maggior Consorziato (la Colony Capital) ha fatto in modo che il C. d. A. fosse formato esclusivamente dai suoi rappresentanti, attribuendo illegalmente a se stesso il titolo di Socio Fondatore. L’APICS ha fatto immediatamente ricorso in giudizio. Per tutta risposta il C.d.A. – al fine tentare di vanificare la nostra azione giudiziaria, ha convocato a Luglio un’Assemblea Straordinaria per eliminare dallo Statuto la figura di Socio Fondatore e modificare a suo piacimento e vantaggio il calcolo delle quote milionesimali da attribuire ai Consorziati per la ripartizione delle spese.

L’APICS ha deciso anche questa volta di opporsi all’arbitrio e all’arroganza del C.d.A, promuovendo una nuova causa; ciò al fine di evitare che gli interessi di un singolo Consorziato - la Colony Capital con il 20% circa delle quote del Consorzio Costa Smeralda - prevalgano su quelli del rimanente 80% costituito dai suoi 3.500 “piccoli Consorziati”.

Le risorse finanziarie della nostra Associazione sono molto limitate ed infatti siamo stati costretti ad evitare l’invio dei rapporti sulla nostra attività per via postale, limitandoci a pubblicarla sul nostro sito www.apics.it.

Le spese per la causa portata avanti sono state finora anticipate dai Consiglieri dell’APICS. Un contributo di € 100,00 (cento Euro) da parte di ciascun Associato, ci darebbe la possibilità di far proseguire l’azione giudiziaria intrapresa e tutte le altre iniziative necessarie a difendere gli interessi dei “piccoli” Consorziati con maggiore efficacia, al fine di limitare i costi di gestione del Consorzio in continuo aumento e migliorare la qualità dei servizi, in costante peggioramento.

Chiediamo pertanto il Vostro contributo mediante bonifico da effettuare al conto APICS – Banca Intesa Porto Cervo – Conto: 6152419865/47 – IBAN: IT 09J030 6984 9006 1524 1986 547, con la seguente causale: “Contributo spese APICS”. Vi chiediamo, inoltre, di comunicarci un indirizzo e-mail da utilizzare per le prossime comunicazioni. Grazie.

Distinti saluti.

A.P.I.C.S.