Noi dell’APICS ringraziamo la signora Barrack e ci complimentiamo con lei per il coraggio che dimostra di avere nel mettere dei paletti al marito imprenditore Tom sui piani di sviluppo immobiliare che egli intende portare avanti a Porto Cervo e nel resto della Costa Smeralda. Siamo pienamente d’accordo con la signora Barrack che la Costa Smeralda e la Sardegna tutta costituiscono “un patrimonio unico irripetibile” e che pertanto:
“La Sardegna si deve impegnare perché la sua natura e le sue bellezze rimangano quelle di oggi. Questa è la sua vera ricchezza. Per fare questo però non bastano le buone intenzioni, ma occorrono leggi mirate alla conservazione della natura e del paesaggio”
e conclude “Pochi rispettano le regole e bisogna intervenire con più controlli e maggiore severità”.

Agli amministratori comunali e regionali chiediamo di ascoltare l’appello della signora Barrack affinché la natura e il paesaggio della nostra isola vengano tutelati con leggi più severe a cominciare dalla Costa Smeralda. Ci fa molto piacere che la signora Barrack abbracci i principi per i quali noi dell’APICS ci battiamo e la invitiamo ad iscriversi alla nostra associazione e a diventare la nostra madrina.

La nostra associazione ribadiamo, è dalla parte degli imprenditori seri disposti a portare avanti piani d’investimento nell’assoluto rispetto della natura e del paesaggio e di tutte le regole.

Con la signora Barrack al nostro fianco ci sentiamo ancora più forti nella nostra azione di sensibilizzazione e di controllo.

info@apics.it

<<< Indietro